Articoli in

Homo


Sono emerse nuove prove che attestano le complessità dell’evoluzione umana. Un nuovo ramo dell’albero genealogico degli ominidi è stato scoperto nella grotta di Callao, sulla più grande delle isole filippine, Luzon. il 10 aprile 2019 Florent Détroit, del Museo Nazionale di Storia Naturale di Parigi, ha dato notizia su Nature di aver riportato alla luce …

Un team di ricerca dell’Hunter College di New York, dopo aver analizzato numerosi resti umani che risalgono a circa 4 milioni di anni fa, ha trovato la risposta: il primo camminatore sarebbe stato l’Ardipithecus ramidus. I primi resti di questi ominidi sono stati scoperti in Etiopia e datati tra i 5,6 e i 4,4 milioni …

Un terzo metatarso di ominide scoperto nel 2007 nella grotta di Callao (nel nord di Luzon, nelle Filippine) e datato a 67 mila anni fa ha fornito la prima prova diretta di una presenza umana nelle Filippine. L’analisi di questo piede osseo suggeriva che apparteneva al genere Homo , ma a quale specie non era …

7 milioni di anni fa i campi di mais e di girasole di alcune vaste aree del sud della Bulgaria erano ricoperte da savane simile a quelle che interessano l’Africa tropicale dei nostri giorni, ci vagavano gazzelle e giraffe. E forse si lì muoveva anche, sorprendentemente, il più antico antenato della specie umana. Gli indizi …

La rapida trasformazione delle conoscenze sull’evoluzione degli ominidi in Asia sta costringendo a riesaminare le idee sulle dispersioni iniziali di ominidi dall’Africa all’Eurasia. Gli ominidi appaiono nei reperti fossili da circa 6 milioni a 7 milioni di anni fa in Africa, e i primi fossili di ominidi in Eurasia hanno circa 1,8 milioni di anni. …

Prima i Primati, poi gli Ominidi che cominciavano a camminare su due gambe, poi ancora gli Australopitechi – come Lucy – e infine gli Homo. Una nuova scoperta, anche questa datata 2015, però porterà forse a rivedere in parte questa successione. Già nel 2013, in Sudafrica, era stato scoperto un vasto complesso di grotte chiamato …