Scoperta in Turchia un’arena di gladiatori romani di 1.800 anni


Gli archeologi hanno scoperto un raro pezzo di storia dell’era romana nell’antica città di Mastaura, nella Turchia occidentale: un’arena dei gladiatori quasi perfettamente conservata che poteva ospitare fino a 20.000 spettatori.

L’anfiteatro risale al 200 d.C. circa, durante il regno della dinastia dei Severi, periodo in cui questa regione era in rapida espansione e accresceva la sua ricchezza e il suo status.

Secondo LiveScience , questa arena era in passato il luogo di brutali incontri di gladiatori che vedevano uomini sfidare animali selvatici in combattimenti all’ultimo sangue. Nascosto da secoli di vegetazione eccessiva e bonifiche naturali, è stato rivelato solo da opere in pietra che si sollevavano dal terreno. Sorprendentemente, questo è ciò che gli ha impedito di rovinarsi.

“La conservazione è stata mantenuta poiché è stata sepolta per anni”, hanno affermato il leader degli scavi Sedat Akkurnaz, archeologo dell’Università Adnan Menderes, e Mehmet Umut Tuncer, capo della Direzione della Cultura e del Turismo di Aydın, la provincia in cui è stata scoperta l’arena.

“Quando i viaggiatori europei vennero a visitare l’Anatolia nel 18° secolo, visitarono anche Mastaura e ne condividevano le informazioni”, ha detto Akkurnaz. “Quando abbiamo esaminato gli appunti di quei viaggiatori, abbiamo visto che fornivano informazioni molto interessanti su Mastaura“.
Il Ministero della Cultura e del Turismo turco ha autorizzato gli archeologi a iniziare i lavori nell’agosto 2020. Hanno trovato il sito nascosto per quasi due millenni da arbusti e alberi, quasi come se fosse una collina naturale nel paesaggio ondulato .
È stato solo dopo aver pulito il luogo da ottobre a dicembre che hanno iniziato a rendersi conto di ciò che avevano trovato. Gli archeologi datarono presto l’arena alla dinastia dei Severi, che abbracciava cinque imperatori dal 193 al 235 d.C.
Come evidenziato dalla notevole muratura dell’arena, era chiaro che i romani non solo stimolarono lo sviluppo economico di Mastaura, ma costruirono un’arena in cui la gente si accalcava.
I ricercatori hanno anche notato molte somiglianze con il Colosseo a Roma, che fu costruito nel 70 d.C. ed era grande circa il doppio dell’anfiteatro di Mastaura. Mentre ci sono altre arene dei gladiatori romani che sono state scoperte in Turchia , nessuna è così ben conservata come questa, che mantiene ancora la sua forma circolare completa.

L’arena interna misura 131 piedi per 98 piedi, con un diametro complessivo di oltre 300 piedi, e comprende file di sedili, sale d’attesa per i gladiatori e persino sale di intrattenimento private.

“Questa potrebbe essere l’unica arena conservata nella sua interezza qui in Turchia“, ha detto Tuncer.
Ma la regione di Mastaura è una zona sismica nota e gli archeologi stimano che circa l’80% della città sia stata sepolta nel tempo. In particolare, il team ha anche scoperto un mulino, una tomba e i resti di quattro cisterne nella zona.

Akkurnaz ha spiegato che lui ei suoi colleghi sono fiduciosi che ci siano ancora diversi insediamenti da trovare e che Mastaura sia stata l’epicentro dei villaggi rurali circostanti. L’arena, nel frattempo, è rimasta intatta.
“È solida, come se fosse stata appena costruita”, hanno detto Akkurnaz e Tuncer, comprese “alcune file di sedili, l’arena in cui combattevano i gladiatori e le pareti di supporto all’esterno dell’edificio”.

Gli archeologi sperano di riparare le crepe nelle pareti dell’edificio per eseguire ulteriori scavi e pianificare la scansione laser dell’intera struttura per creare un’immagine 3D dell’arena al fine di “capire come sono le parti sotterranee dell’edificio. “