La Dendrocronologia


La datazione tramite il conteggio degli anelli degli alberi (dendrocronologia) fornisce inoltre un valido aiuto al metodo di Libby.
Gli anelli di crescita in un tronco non hanno tutti la stessa larghezza: si osservano serie di anelli stretti che si alternano a serie di anelli più larghi. Questa successione di anelli stretti e larghi è simile per tutti gli alberi che vivono nello stesso periodo in una determinata zona poiché riflette le condizioni ambientali dell’area.

La sequenza anulare, insieme ad altre evidenze, permette di:

  • Ricostruire il clima di una regione in un determinato periodo storico e questo è di fondamentale importanza per le aree in cui non si avevano in passato regolari registrazioni meteorologiche;
  • Valutare le caratteristiche ecologiche e ambientali passate e presenti di un’area geografica;
  • Determinare l’autenticità di un’opera d’arte;
  • Capire la struttura e datare le parti lignee di edifici storici.

Essa​ ​è​ ​nota​ ​fin​ ​dall’antichità​ ​(​abbiamo​ ​riferimenti​ ​a​ ​questa​ ​disciplina​ ​in​ ​Vitruvio​ ​e​ ​Plinio)​ ​ma è​ ​con​ ​Leonardo​ ​Da​ ​Vinci​ ​che​ ​si​ ​parlò​ ​per​ ​la​ ​prima​ ​volta​ ​della​ ​crescita​ ​annuale​ ​degli​ ​anelli che​ ​vanno​ ​a​ ​formare​ ​il​ ​tronco.
Infine​ ​è​ ​l’astronomo​ ​americano​ ​A.​ ​E.​ ​Douglass​ ​a​ ​proporre​ ​in​ ​tempi​ ​recenti​ ​la dendrocronologia​ ​come​ ​metodo​ ​di​ ​datazione​ ​(inizio​ ​XX​ ​secolo): la​ ​dendrocronologia​ ​è​ ​un​ ​metodo​ ​di​ ​datazione​ ​diretta​ ​(ricavata​ ​dal​ ​manufatto​ ​stesso)​ ​che​ ​fa parte​ ​delle​ ​tecniche​ ​utilizzate​ ​nel​ ​campo​ ​della​ ​cosiddetta​ ​“archeometria”​ ​(​ossia​ ​lo​ ​studio scientifico​ ​con​ ​analisi​ ​di​ ​laboratorio​ ​dei​ ​materiali​ ​di​ ​cui​ ​i​ ​beni​ ​culturali​ ​sono​ ​costituiti​ ​e​ ​dei​ ​loro contesti)​ ​e​ ​gli​ ​scienziati​ ​possono​ ​avvalersene​ ​per​ ​stabilire​ ​l’età​ ​di​ ​manufatti​ ​antichi​ ​ed​ ​edifici, per​ ​ricostruire​ ​le​ ​tendenze​ ​climatiche​ ​e​ ​per​ ​studiare​ ​l’evoluzione​ ​di​ ​un​ ​territorio.
In​ ​primis​ ​bisogna​ ​considerare​ ​che​ ​nei​ ​climi​ ​temperati​ ​come​ ​il​ ​nostro,​ ​in​ ​cui​ ​si​ ​ha​ ​alternanza di​ ​stagione​ ​calda​ ​e​ ​fredda,​ ​gli​ ​alberi​ ​crescono​ ​formando​ ​una​ ​serie​ ​di​ ​anelli​ ​concentrici​ ​ben distinguibili​ ​nella​ ​sezione​ ​del​ ​tronco,​ ​ciascuno​ ​dei​ ​quali​ ​corrisponde​ ​ad​ ​un​ ​anno​ ​di​ ​vita dell’albero.

Il​ ​ragionamento​ ​che​ ​sta​ ​alla​ ​base​ ​della​ ​dendrocronologia​ ​risiede​ ​nel​ ​fatto​ ​che​ ​alberi​ ​della stessa​ ​specie​ ​cresciuti​ ​nella​ ​stessa​ ​area​ ​avranno​ ​la​ ​medesima​ ​sequenza​ ​di​ ​anelli, determinata​ ​dai​ ​fattori​ ​climatici:la​ ​sequenza​ ​anulare​ ​potrà​ ​dunque​ ​fornire​ ​delle​ ​informazioni importanti​ ​per​ ​la​ ​ricostruzione​ ​del​ ​clima​ ​di​ ​una​ ​regione​ ​in​ ​un​ ​determinato​ ​periodo​ ​storico​ ​o studiare​ ​l’evoluzione​ ​di​ ​un​ ​territorio.