I nostri primi Antenati


Gli umani moderni appartengono alla famiglia dei primati conosciuti come ominidi o “grandi scimmie“.
Anche gli scimpanzé e i gorilla sono classificati come ominidi.
Gli esseri umani moderni condividono un antenato comune con gli scimpanzé da circa 8 milioni di anni fa.
Da quel momento varie specie di ominidi bipedi si sono evolute in Africa, alcune delle quali sono antenati diretti dell’uomo moderno, mentre altre semplicemente si estinsero.
I resti di Sahelanthropus tchadensis sono stati scoperti in Ciad, risalgono a circa 7 milioni di anni fa e potrebbero essere un antenato comune sia degli umani che degli scimpanzé.
Un milione di anni dopo, Orrorin tugenensis viveva in Kenya e camminava in piedi, ma si adattava ancora all’arrampicarsi sugli alberi.
L’Ardipithecus ramidus viveva in Etiopia circa 4,4 milioni di anni fa, camminava eretto e aveva denti più piccoli, più umani delle altre specie di scimmie, ma la sua dimensione del cervello era più piccola degli scimpanzé moderni e solo il 20% delle dimensioni degli esseri umani moderni.